Home  Sede di Firenze

Associazione Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti Onlus
Via Enrico il Navigatore 17 - 50127 Firenze
Codice Fiscale: 94176330481

Sportelli a Pistoia e Montecatini Terme

Martedì 9:30-12:30, Mercoledì 9:30-12:30, Giovedì 14:00-17:00

339 892 6550

info@centrouominimaltrattanti.org

Fuori orario lasciare un messaggio in segreteria.


Il CAM è il primo centro ad essere nato a livello nazionale per uomini che agiscono violenza nelle relazioni affettive. Il Centro nasce nel 2009 dalle esperienze di lavoro dal Centro Antiviolenza Artemisia di Firenze. Il retaggio di lavoro con le vittime di violenza dà una fondamentale impronta alla costituzione della metodologia di lavoro del CAM. Il Centro ha adottato le linee guida europee per la presa in carico degli autori di violenza e lavora in rete con tutte le realtà che sul territorio nazionale si sono mosse in direzioni simili.

Nel 2014 il CAM ha avuto una rapida espansione costituendosi in sezioni su territori diversi. Attualmente consta di una sezione a Ferrara, Cremona, nel Nord della Sardegna e a Roma.

A livello territoriale fiorentino, il Centro fa parte del gruppo di lavoro della Procura Generale per le buone pratiche in tema di violenza di genere. Svolge da due anni incontri periodici con i medici di medicina generale, ed è stato attivato un tavolo con i pediatri di base al fine di estendere il lavoro di sensibilizzazione multidisciplinare. In quest’ottica collabora con l’Ordine degli Psicologi della Toscana per quanto concerne il coordinamento del gruppo salute di genere. L’ottica di rete da cui nasce il Centro ha portato all’attivazione di un protocollo di collaborazione con l’Ufficio di esecuzione penale esterna per il lavoro sia in carcere che nel reinserimento sociale conseguente ad una condanna.

Nell’Ottobre del 2014 il CAM e la ASL Firenze hanno siglato una convenzione per un nuovo sistema di integrazione e co-progettazione fra i servizi pubblici e privati. Si tratta di una sperimentazione nata dalla constatazione della trasformazione avvenuta negli ultimi 30 anni del Welfare State che in direzione dell’integrazione in un Welfare mix che trova a livello locale la sua legittimazione e il suo sviluppo, con il contributo delle formazioni di cittadini non solo in qualità di gestori di servizi e di promotori della domanda sociale, ma anche di partner delle istituzioni locali nella elaborazione delle politiche sociali.
Il CAM è inoltre firmatario di una convenzione di accordo con l’Ufficio di esecuzione penale esterna, collabora alla rete “Codice Rosa” ed è firmatario del Patto di intesa  Territoriale della Provincia di Pistoia.

Il Centro svolge il proprio operato in tre direzioni:

1. Attività di supporto agli uomini autori di violenza. Il Centro offre una prima accoglienza telefonica per gli uomini che hanno agito violenza nelle relazioni intime. Il percorso prevede una prima fase di valutazione e rilevazione della violenza che si svolge attraverso una serie di colloqui individuali con operatori di sesso maschile psicologi, terapeuti e quando necessario con uno psichiatra del team. Al termine viene offerta l’opportunità di accesso ad un gruppo psico educativo organizzato in 24 sessioni strutturate necessario per l’accesso ad un gruppo che si orienta maggiormente sui vissuti legati alla violenza e sul confronto con la propria esperienza e quella degli altri uomini del gruppo. Il percorso in media dura un anno/un anno e mezzo. Durante il percorso viene contattata la partner o la ex partner per poter fare una valutazione del rischio più completa, chiarificare l'attribuzione di responsabilità della violenza al fine di evitare manipolazioni del percorso da parte dell'uomo e poter fare l'invio al Centro Antiviolenza della zona. 


2. Attività di sensibilizzazione. Il Centro ha partecipato a numerosi progetti del Comune di Firenze, della Provincia di Firenze e dei fondi 8 per mille della Chiesa Valdese in materia di sensibilizzazione, sia attraverso l’organizzazione e la partecipazione a convegni e seminari, sia attraverso iniziative nelle scuole e nelle cooperative. Sono stati, ad esempio, sviluppati progetti come “Scuola di vita: progettare tempi nuovi”, su Bando della Provincia di Firenze, che ha promosso una riflessione sulle problematiche relative alla disuguaglianza di genere e sugli ostacoli che agiscono nella rimozione degli stereotipi di genere. Nel 2016-2017 è stata realizzato il Progetto “Uno, nessuno, centomila stereotipi! Trasforma-Azione delle conflittualità di genere attraverso il Teatro dell’Oppresso”, realizzato con il finanziamento della Regione Toscana e selezionato con Bando della Città Metropolitana di Firenze, in  collaborazione con l’Associazione Culturale “Tessere e Culture” e l'Istituto Scolastico Maltoni di Pontassieve.


3. Formazione e divulgazione scientifica. Proprio l’attività di formazione deve essere vista nell’ottica di contrasto alla violenza basata sul genere ed in assoluta continuità con le numerose attività di sensibilizzazione. 
L’attività di formazione ha quindi un valore di promozione dei valori sociali dell’Associazione che permette attraverso gli operatori sociali e le associazione di far conoscere non solo il lavoro con gli autori e di promuovere l’attivazione su tutto il territorio nazionale di esperienze simili, ma anche la promozione in generale di una società che sia prontamente attiva contro la violenza alle donne e che promuova la non discriminazione contro le donne come base per il contrasto alla violenza. Dal 2012 il Centro offre periodiche opportunità di formazione sia a Firenze che nel territorio nazionale. Attualmente il corso di formazione per operatori che vogliono lavorare con uomini autori di violenza nelle relazioni affettive viene organizzato solo su Firenze. Le numerose richieste di formazione ci hanno però portato a strutturare giornate o moduli formativi ad hoc su tutto il territorio nazionale. Sono stati inoltre organizzati moduli singoli di formazione circa la start up del Servizio per autori e la rilevazione del rischio di recidiva, la progettazione in ambito di violenza etc.. Attualmente il totale dei corsisti che ha usufruito della nostra formazione si aggira intorno a più di 3000 professionisti provenienti da varie specializzazioni. 

Puoi rimanere aggiornato sulle opportunità formative direttamente nella sezione del sito Formazione.

Alcuni dei Docenti della formazione sono autori o co-autori di volumi sul tema della violenza (vedi la sezione Pubblicazioni).
Il CAM partecipa tramite audizione alla Camera ai lavori per la Legge 119/2013 con azioni di promozione dei programmi per autori ed è tutt’ora coinvolto nelle consultazioni ministeriali.

La collaborazione a livello nazionale ed europeo

Sempre su promozione del CAM nasce nel 2015 l’Associazione Relive – Relazioni libere dalle Violenze – creata per consolidare in Italia la creazione di programmi per autori e per elaborare criteri di qualità e standard di accreditamento. In tale ottica l’Associazione ha intrapreso un lavoro di approfondimento e confronto fra Centri che sul territorio nazionale operano con il lavoro con gli uomini autori di violenza da più tempo e che hanno esperienze di lavoro consolidati da alcuni anni. Oltre a questo Relive si pone l’obiettivo di orientare i nuovi Centri verso metodologie di lavoro che rispondano ai criteri delle Linee Guida nazionali ed i parametri della Convenzione di Istanbul. L’Associazione Relive nasce anche per poter contribuire alla realizzazione del Piano Nazionale al punto g) art. 5 in cui si asserisce la necessità di “promuovere programmi di trattamento secondo metodologie consolidate e …”. La Presidente CAM Alessandra Pauncz è attualmente la Presidente dell’Associazione nazionale RELIVE. Dal 2015 ad oggi sono stati organizzati tre residenziali ed un convegno nazionale sul tema della presa in carico degli uomini autori di violenza. 

Il CAM inoltre partecipa nel Dicembre 2009 al primo incontro Europeo sui programmi per maltrattanti e diventa Focal Point per l’Italia mettendo la propria esperienza al servizio di altri enti, Istituzioni ed Associazioni che siano interessate ad attivare forme di collaborazione, attivazione di servizi per maltrattanti o formazione ed è socio fondatore della WWP EN (Work with Perpetrators – European Network) . E’ eletto nel direttivo dal 2014 dove opera ancora attivamente. Come parte attiva del direttivo partecipa alle riunioni tre volte all’anno e sostiene la progettazione e partecipa all’ Annual Workshop che si tiene annualmente. Nel 2015 ha ospitato a Firenze l’Annual workshop e nel Novembre 2016 ha ospitato una visita studio con 6 partecipanti da diverse parti dell’Europa.

Nel 2018 la Presidente CAM Alessandra Pauncz diventa Direttrice Esecutiva della Rete europea WWP-EN.

Campagne di sensibilizzazione

Fin dalla nascita il CAM ha cercato di promuovere una diversa lettura della violenza di genere basata su una comunicazione che rendesse riconoscibile la violenza maschile anche agli uomini che ne sono direttamente ed indirettamente coinvolti. Alla prima campagna di comunicazione avviata nel 2009, si sono susseguite molte altre periodicamente riproposte. Nel 2016 è stato realizzato in collaborazione con Unicoop e Unipool Sai uno spot rivolto agli uomini. Il 2016 ha visto inoltre l’avvio di un progetto molto più ambizioso. Infatti nel Gennaio 2016 è nato il Giardino dei Padri – Forum sulla paternità e le cure per iniziativa di un gruppo di uomini e donne, aderenti a diverse organizzazioni: il CAM (Centro Ascolto Maltrattanti), Maschile Plurale, Parteciparte, Cerchio degli Uomini, WhiteDove, Cambiamento Maschile. La rete nasce per contribuire al cambiamento culturale e normativo in materia di condivisione delle cure genitoriali e di pratiche di paternità.

ll Giardino dei Padri si rivolge a tutti i tipi di famiglia, comprese quelle separate, ricostruite o omogenitoriali; aderisce alla campagna internazionale sulla paternità MenCare e ne sottoscrive i Principi Guida.

Nel 2017 il CAM in collaborazione con Unicoop Firenze ha promosso “La prima campagna nazionale sulla paternità e la promozione delle cure paterne”. Papà, non per caso, non per gioco, ma per scelta: papà a tutto tondo, a casa, al supermercato, al parco e ogni volta che c’è bisogno di lui. Questo il messaggio della prima campagna nazionale di sensibilizzazione sul tema della presenza e della responsabilità di cura dei padri, intitolata “Io ci sono” e promossa dall’associazione CAM di Firenze (Centro di ascolto uomini maltrattanti) e dalla rete di associazioni Il Giardino dei padri di Firenze, in collaborazione con Unicoop Firenze. Il messaggio è stato raccolto dalle trentotto sezioni soci Coop che lo hanno tradotto nell’evento fotografico “Con il babbo alla Coop”: 

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e il funzionamento dello stesso. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.  Privacy e Cookie Policy